Milano 1946
  • Caratteristiche del gioco del baseball

  • Obiettivo del gioco

    E' quello di riuscire a correre per conquistare in successioni le tre basi e farritorno a casa-base senza farsi eliminare dalla squadra avversaria. In questo modo si acquisisce un punto per ogni giocatore che riesce a tornare nella prima base (casa-base).

     

    Per far questo una squadra è disposta all’esterno del campo (attaccanti) e uno solo dei suoi giocatori (battitore) si dispone con la mazza in casa-base. L’altra squadra, invece, è disposta dentro il campo, in difesa, e un suo giocatore si trova in una zona apposita (pedana del Pitcher) per iniziare il gioco con il lancio della palla verso il battitore avversario.

  • Obiettivo del battitore

    E' quello di colpire la palla con la mazza e poi correre cercando di superare toccando le tre basi del campo per far ritorno nella prima (casa-base) e conquistare il punto.

     

    Il battitore può effettuare uno dei colpi più spettacolari del Baseball: il fuori-campo. In questo caso la palla viene colpita così forte da essere inviata al di fuori del campo di gioco e, di conseguenza, tutti i giocatori che in quel momento occupano le basi possono tranquillamente andare a realizzare il punto.

  • Obiettivo del lanciatore

    E' quello di effettuare un lancio forte e preciso, in modo che sia difficile per il battitore colpire con facilità o nelle condizioni migliori. Il lanciatore ha la possibilità di eliminare subito il battitore avversario se riesce a lanciare in modo tale da far commettere errori al battitore. Dopo 3 lanci buoni non colpiti (STRIKE) il battitore è eliminato. Anche i lanci sbagliati (BALL), senza però che il battitore tenti di colpire la pallina e non effettui un giro di mazza, sono puniti: dopo 4 ball il battitore conquista di diritto la prima base.

  • Obiettivo della difesa

    E' quello di eliminare il battitore e non fargli superare le basi e, con 3 eliminazioni, tornare alla battuta.

     

    La difesa può eliminare gli attaccanti con 4 modalità:

    1. Al terzo errore in battuta (STRIKE) del battitore.
    2. Afferrando al volo la pallina colpita dal battitore (BATTUTA A VOLO). Se il battitore era il primo o secondo eliminato e ci sono altri corridori nelle basi, il gioco è vivo e questi possono continuare la loro azione di attacco verso la base successiva ritornando alla base di partenza nel momento della presa al volo e da lì ripartendo.
    3. Toccando con la pallina tenuta in mano il giocatore che sta correndo tra una base e l’altra (TOCCATA).
    4. Arrivando a toccare con la pallina in mano la base verso la quale si sta dirigendo l’attaccante (GIOCO FORZATO).
  • Campo di gioco - Attrezzi - Ruoli dei giocatori

    Il Baseball viene giocato su un campo definito da due linee di foul (che congiungono casa-base con la prima base e casa-base con la terza base) ad angolo retto. All’incrocio delle due linee di foul si trova il piatto di casa-base.

     

    Il campo risulta suddiviso in territorio buono e territorio foul. Nel territorio buono viene delimitato il campo, a forma di un quarto di cerchio, chiamato “Diamante” e, al suo interno, è tracciato un quadrato con i lati di 27,43 metri. Il rimanente spazio viene detto “campo esterno” che può avere una lunghezza minima di 76,20 e massima di 110 metri. Il terreno fuori dal settore semicircolare è considerato non valido per il gioco e viene chiamato territorio foul.

     

    A tre dei suoi angoli sono fissati dei sacchetti quadrati che prendono il nome di basi (contando in senso antiorario si hanno la prima, la seconda e la terza). Il quarto angolo è chiamato casa-base o piatto di casabase (segnata con un pentagono di gomma), con disegnati ai due suoi lati due rettangoli, all’interno dei quali va a posizionarsi il battitore (che può essere destro o sinistro), e uno dietro la stessa, per il ricevitore, detti “box”.

     

    Al centro del “Diamante”, a 18,44 metri dalla casa-base, si trova il “mound”, ovvero la pedana del lanciatore, con disegnato un rettangolo di 60 x 15 cm.

     

    Il campo solitamente è in erba con il “mound”, i collegamenti tra casa-base e prima base, casa-basee terza base (della larghezza di 182 cm.), e tra prima, seconda e terza base (della larghezza di 4-5metri) in terra rossa.

     

  • Palla: quella ufficiale è piena, ricoperta da pelle di cavallo tenuta assieme da un filo rosso che forma la cosiddetta cucitura. Ha un peso di circa 146-147 grammi, una circonferenza di 23 cm. e un diametro di circa 7 cm.

     

     

    Mazza: è fabbricata in diverso materiale (legno, metallo, plastica), quella ufficiale è in alluminio. E’ costituita da un bastone liscio e tondo che non deve superare i 7 cm. di diametro nella parte più ampia e la lunghezza di 106 cm. Il peso deve essere inferiore a 1,5 kg.

     

     

    Guantoni: ve ne sono di tre tipi.

    • Guantone da “catcher” (ricevitore), molto imbottito in quanto deve ammortizzare l’urto delle pallelanciate con maggior violenza (soprattutto dal proprio lanciatore), con una circonferenza fino ad 87cm.
    • Guantone di prima base, dalla forma allungata.
    • Guantone a cinque dita, con una tasca tra pollice e indice, per tutti gli altri giocatori.

     

    Caschetto: indossato da chi batte e dai corridori sulle basi, è di plastica imbottito di gommapiuma. Il ricevitore richiede una attrezzatura specifica ed indossa una maschera, un caschetto, una pettorina imbottita, gli schinieri (proteggono gli arti inferiori dalle ginocchia ai piedi).

     

    I ruoli dei giocatori

    Una squadra di Baseball è composta in media da 15-20 giocatori ma solo 9 di questi entrano in campo. Ogni giocatore è distinto al ruolo difensivo che ricopre:

     

    INTERNI: giocano nel “Diamante”

    • LANCIATORE
    • RICEVITORE
    • PRIMA BASE
    • SECONDA BASE
    • TERZA BASE

    ESTERNI: giocano nel campo esterno

    • INTERBASE
    • ESTERNO SINISTRO
    • ESTERNO CENTRO
    • ESTERNO DESTRO

     

    Il giocatore di seconda base si posiziona circa a metà tra la prima e la seconda base. In questo modo protegge tutto il lato e non solo “la base”. Il giocatore INTERBASE (a specchio) fa lo stesso tra la seconda e la terza base.

    Per la fase di attacco i giocatori si alternano alla battuta secondo un ordine prestabilito e invariabile dall’allenatore.

    Le sostituzioni sono illimitate e ammesse durante ogni momento della partita (purchè il gioco sia fermo), sia in attacco che in difesa; i giocatori sostituiti non possono più rientrare.